Villa Liberty
-0-
-1-
-2-
-3-
-4-
-5-
-6-
-7-
-8-
-9-
-10-
-11-
-12-
Titolo Progetto
Villa Liberty

Descrizione progetto
Restauro e recupero di un villino anni ’20 per residenza privata, uffici e foresteria

Luogo
Via Celso, Roma (Italia)

Committente
Privato

Equipe di progetto
Architettura: appaltatore fino al 2016, Scape s.p.a nella persona del suo socio Paolo Mezzalama ed il team della società
Strutture: Marcello Colasanti, Antonio Del Buono
Impianti: Italco Srl
Sicurezza: Romana Farinelli
Paesaggio: Letizia Carpi
Impresa costruttrice: Gmc srl

Incarico
Completo (design e lavori)

Cronologia
2004-2009

Dati progetto
Superficie
Appartamento principale: 390 mq
Superfici esterne: 198 mq
Appartamento di servizio: 80 mq
Superfici esterne: 53 mq

Budget
1.100.000 €

Il filo conduttore del progetto è il rapporto tra il rispetto dell’identità di una architettura risalente ai primi del ‘900 e la volontà di confrontarsi con essa attraverso gli strumenti del linguaggio contemporaneo.
L’edificio è situato ai margini del centro storico, nel cuore della zona Liberty, tra Villa Torlonia e la Stazione Termini.
L’incarico proposto dal committente riguardava il recupero e la ristrutturazione dell’edificio esistente per renderlo conforme alle norme vigenti e per accogliere 3 piani di uffici e tre abitazioni.
L’involucro esterno e gli ambienti principali sono stati riportati all'immagine originale dell’edificio attraverso il recupero degli ornati e delle colorazioni;la distribuzione verticale è stata razionalizzata ;l’ampio giardino che circonda l’edificio è stato ridisegnato in funzione delle nuove esigenze. Al pianterreno si innesta una prima abitazione che si articola su tre livelli. Gli ambienti che si susseguono al livello del terreno stabiliscono un rapporto di continuità con il giardino attraverso le grandi aperture vetrate,un muro in metallo riflettente,delle piccole strutture abitabili sparse nel parco. Una cavità ovoidale ricavata all'interno della massa muraria dell’edificio accoglie un’esile scala che avvolgendosi su se stessa collega i differenti livelli.
I due piani superiori, insieme alle terrazze sono stati completamente ripensati in funzione della destinazione a residenza privata prevista dal committente. Qui sono stati realizzati l’appartamento principale e una piccola abitazione per gli ospiti.
L’esigenza principale era di creare un’abitazione dove lo spazio mettesse in relazione i suoi abitanti proteggendo allo stesso tempo la loro intimità.
La notevole dimensione di superficie abitativa sia interna che esterna ci ha portato a concepire la casa come una villa sul tetto dell’edificio, mutuandone i rapporti scalari,di luce,di percezione.