Paysage en Bois
-0-
-1-
-2-
-3-
-4-
-5-
-6-
Titolo Progetto
Paysage en Bois

Descrizione progetto
Concorso per la nuova scuola media di Broye a Cugy

Luogo
Cugy, Canton de Fribourg (Svizzera)

Committente
L’associazione delle comuni del distretto di Broye e del comune di Villarepos

Equipe di progetto
Architetto capogruppo: It's
Strutture: AAKHON s.r.l.
Impianti: RAYMOND E-MOSER SA
Elettricità: RHONE ELECTRA ENGINEERING

Incarico
Concorso

Cronologia
2016 - 2017

Dati progetto
Superficie
20.092 mq

Budget
32.800.000 CHF (FASE 1)
14.800.000 CHF (FASE 2) 

Il progetto per il concorso della nuova sede di scuola media di Cugy, affronta il tema della complessità di impiantare un edificio di ampia volumetria in un tessuto frammentato e a bassa densità. 
Osservando il territorio circostante, in cui i segni dei campi coltivati disegnano la geometria di una natura mediata dal lavoro dell’uomo, abbiamo scelto di impostare il progetto come un “edificio paesaggio”, la cui scala sia capace di misurarsi con la dimensione ambientale e armonizzarsi ad essa . 
L’edificio si innesta sul lotto attraverso uno scavo geometrico che sfrutta la dolce pendenza del terreno e sembra proseguire naturalmente le trame dei campi adiacenti.
Ne risulta un volume rettangolare, lungo ma basso, la cui pianta è definita dalla sequenza modulare delle aule e dei laboratori intorno ad un patio e alla palestra. Il patio, articolato come un piccolo giardino, si apre sui due piani delle aule e attraverso una doppia altezza porta luce all’ingresso e alle distribuzioni orizzontali. La palestra, con un sistema di lucernari progettati ed orientati per garantire un’illuminazione diffusa dei campi da gioco, è pensata come la vera e propria corte su cui si affaccia tutta la vita scolastica. Questi due elementi consentono, pur nell’ambito di una pianta estremamente razionale e compatta, la costruzione di una spazialità interna complessa e suggestiva, in cui la vista può penetrare la sequenza degli ambienti attraverso diversi livelli di trasparenza
Dietro l’edificio, il terreno, modellato con dolci terrazzamenti su cui si incastrano alberi ad alto fusto, invita i ragazzi al gioco e permette , a chi volesse salire nel punto più alto, di spaziare con lo sguardo oltre l’edificio verso gli orizzonti aperti del paesaggio circostante.
L'edificio è previsto con struttura mista in legno e acciaio per garantire la sostenibilità e la rapidità di costruzione richiesta dalla committenza. Il processo di progettazione condotto fin dall'inizio in collaborazione con ingegneri specialisti, assicura un basso impatto ambientale e, soprattutto, un alto comfort termoigrometrico e visivo. 
Le strategie progettuali passive adottate massimizzano l’efficienza degli scambi termici tra edificio e ambiente. Il volume compatto, infatti, ottimizza lo spazio climatizzato riducendo le superfici disperdenti e contemporaneamente la presenza del patio e dei lucernari consentono una corretta ventilazione naturale invernale ed estiva. La facciata è costituita da lamelle in legno, la cui sezione e densità varia su ogni lato favorendo la corretta illuminazione delle aule in funzione dell'orientamento.